Migration compact: tra accoglienza e cooperazione. Se ne parla domani sera a Botticino alla festa del PD. Comunicato stampa

Domani sera 21 luglio alle ore 20.00 sarò a Botticino a parlare di Migration Compact. E’ il Patto proposto dall’Italia all’Europa sul tema dell’immigrazione presentato dal presidente del Consiglio Matteo Renzi al presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker. L’Italia propone un “equo grande accordo”, indica come intervenire “a monte”, riscrivendo i rapporti con i Paesi d’Origine e di transito in Africa. Aiuti, investimenti e canali di ingresso. In un accordo complessivo di cooperazione tra Europa e paesi di origine. Esemplare sotto questo aspetto il progetto pilota dei “corridoi umanitari” promosso da un accordo tra governo italiano, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Comunità di Sant’Egidio e Tavola Valdese.
L’Unione Europea, nata dal trattato di Lisbona come riconoscimento dei principi di solidarietà, di accoglienza, di ospitalità, rischia di fallire se non confermerà quelle scelte. Dobbiamo mettere da parte le nostre paure: la piena sicurezza contro il terrorismo per tutti i cittadini, ma anche l’accoglienza nella legalità di coloro che hanno bisogno, devono essere la nostra risposta di civiltà all’emergenza.
Assieme a me domani ne parleranno Cécile Kyenge, europarlamentare; Laura Garavini, componente commissione Affari Esteri Camera dei Deputati; Federico Soda, Capo Missione in Italia, OIM, Organizzazione internazionale per le migrazioni.

On. Luigi Lacquaniti,
Partito Democratico