Raduno neonazista sul Garda. Indignato per il meeting internazionale dell’estrema destra europea. Inconcepibile il patrocinio del Comune di Torri del Benàco. Comunicato stampa

Non si tratta del solito raduno di nostalgici e di militanti di Forza Nuova. Al “Boreal european meeting” che si svolgerà a Torri del Benàco per tre giorni, sono stati chiamati i peggiori leader dell’estrema destra europea. Leader danesi famosi per i discorsi pro-Hitler; inglesi noti per vicende giudiziarie di incitamento all’odio raziale; tedeschi condannati per odio razziale; ungheresi dei movimenti ultranazionalisti. Teste rasate e svastiche tatuate a bella mostra per questi fans di gruppi musicali come “Gesta Bellica” che cantano “Potere Bianco” e “Legittima Offesa”. Gruppi che incitano alla violenza e all’odio.
Hanno ragione le Comunità Ebraiche e l’Associazione Nazionale ex Deportati, a esser indignati per questa manifestazione offensiva per la nostra storia, la nostra memoria, i nostri valori costituzionali e civili, le vittime innocenti degli anni bui del nazifascismo in Europa.
Inconcepibile e censurabile il patrocinio concesso dal Comune di Torri del Benàco che riconosce la manifestazione “meritevole di accoglimento per la valenza culturale e sportiva a favore di residenti e turisti”. Quale è la valenza culturale e sportiva del predicare la superiorità della razza ariana e del proporre di gasare e sparare agli Ebrei, ai Rom e a tutti gli immigrati?
Non credo che i turisti del Garda apprezzino questo sport e non penso che questo raduno sia una buona pubblicità e una bella cartolina di presentazione per il nostro Lago accogliente e pacifico.

On. Luigi Lacquaniti
Partito Democratico