Il mio augurio all’A.N.ITA. per i suoi 50 anni

Saluto l’associazione A.N.ITA, Associazione naturista italiana, i suoi associati, e tutti i partecipanti a questo importante appuntamento di festa organizzato in occasione dei primi 50 anni di attività dell’associazione, nata proprio qui a Milano nel 1966 quando un gruppo di persone si raccolse attorno al primo presidente Giuseppe Ghirardelli per promuovere la cultura e le pratiche naturiste. Purtroppo non posso essere presente, per un imprevisto stato influenzale, a questo Vostro evento. Tuttavia Vi prego di volermi considerare idealmente presente tra di Voi. 50 anni di attività non sono un tempo banale per misurare la bontà e la fondatezza delle ragioni di un progetto come il Vostro, che dimostra ancor oggi, con la presenza e la vitalità della Vostra associazione, la validità e la necessità del suo essere. Il naturismo è un movimento nato in opposizione al degrado della vita urbana, che persegue pratiche di vita all’aria aperta e, nel rispetto della persona, della natura e dell’ambiente circostante, utilizza il nudismo come forma di sviluppo della salute fisica e mentale, in armonia con la natura. Per questo ho presentato una Proposta di Legge per il riconoscimento della pratica del naturismo e lo sviluppo della capacità turistico-ricettiva in Italia. Si consideri inoltre, oltre lo spreco di risorse volte a reprimere il fenomeno del naturismo, il numero elevato di famiglie con bambini che, intendendo praticare il naturismo, si rivolgono ad altri Paesi Europei come mete turistiche, sottraendo importanti entrate economiche al nostro Paese. Ritengo che la punibilità della pratica del naturismo non sia in alcun modo in linea con i principi della Legislazione penale, infatti la Corte di Cassazione, con due sentenze, ha stabilito che la nudità attuata in luogo abitualmente frequentato da nudisti e naturisti, non è riconducibile sia all’articolo 726 del Codice Penale (Atti contrari alla pubblica decenza), sia all’articolo 527 del Codice Penale (Atti osceni in luogo pubblico). In merito a quest’ultimo punto, e nello specifico alle sanzioni amministrative in applicazione dell’art. 726 del c.p., ne ho parlato con il Sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore giusto questa settimana, per capire e vedere cosa si possa fare, ferma restando la mia convinzione della necessità di una riforma organica complessiva purtroppo non ancora calendarizzata. Auguro a tutti Voi di festeggiare al meglio questa giornata e ad A.NI.TA DI proseguire con successo nella sua preziosa attività associativa. Per parte mia assicuro che continuerò ad impegnarmi in prima persona per il raggiungimento dei nostri comuni obiettivi. Rinnovo inoltre la mia disponibilità ad organizzare insieme a Voi un convegno a Roma, in merito alle potenzialità del turismo naturista, negli ambienti del Parlamento a ciò destinati.

on. Luigi Lacquaniti