Family day e diritti civili. Il Ddl Cirinnà non è un’ecatombe della famiglia. Comunicato stampa

Sabato si svolgerà a Roma il Family Day. Sabato scorso in moltissime piazze d’Italia si sono svolte manifestazioni a favore dei diritti civili e in appoggio al Ddl Cirinnà. In questi giorni sui mezzi di comunicazione sono presenti e riportate con risalto le diverse posizioni in merito.
Ho il massimo rispetto di tutti coloro che manifestano il proprio pensiero, nelle piazze, nelle scuole, negli oratori, negli incontri e nelle assemblee pubbliche. Credo che dovremmo pretendere il rispetto per tutti, anche per le posizioni delle coppie omossessuali.
In questo momento, come è naturale che sia, i giornali riportano in rilievo le dichiarazioni del bresciano Massimo Gandolfini, portavoce ed organizzatore del Family Day. Alcune sue posizioni mi paiono decisamente eccessive e catastrofiche. Vorrei far presente che non è in atto nessuna ecatombe della famiglia. Che non viene leso nessun diritto alla famiglia. Che ci si potrà tranquillamente sposare e dar vita a famiglie tradizionali esattamente come oggi. Con gli stessi diritti di oggi.
E soprattutto che su questi temi è sbagliato creare una contrapposizione tra laici e cattolici. Questo non è uno scontro tra laici e cattolici. E’ casomai un confronto tra conservatori e riformatori. Tra chi vuole conservare la società così come è codificata per iscritto e chi ha capito che la società è già cambiata. Questo è un confronto per cercare di garantire diritti a persone che oggi ne sono prive.
Pensando a certe dichiarazioni mi torna in mente il discorso di apertura del Concilio Vaticano II pronunciato da Giovanni XXIII l’11 ottobre del 1962: “A noi sembra di dover dissentire da codesti profeti di sciagura, che annunziano eventi sempre infausti, quasi che incombesse la fine dei mondo”.
Il Ddl Cirinnà non è la fine del mondo. Quella in atto è un’azione per superare gli steccati tra laici e cattolici, sulla base del principio che mettersi insieme e cercare una soluzione con onestà e serietà, dà risultati migliori delle contrapposizioni frontali.
Da parte mia sabato pomeriggio sarò a Desenzano alla manifestazione Desenzano Arcobaleno, in appoggio al Ddl Cirinnà, a difendere i diritti di tutti senza avere la pretesa di negare diritti a qualcuno.

On. Luigi Lacquaniti
Partito Democratico

Un pensiero su “Family day e diritti civili. Il Ddl Cirinnà non è un’ecatombe della famiglia. Comunicato stampa

I commenti sono chiusi.