Sentinelle in piedi, Caramelle in piedi e noi a favore dei diritti civili

Sabato 10 ottobre a Salò si terrà una nuova manifestazione delle cosiddette Sentinelle in Piedi. In Piazza Duomo, alle ore 16,00. In contemporanea, sempre a Salò, alla stessa ora, si terrà una manifestazione delle Caramelle in Piedi.
Vi è chi intende resistere ai cambiamenti sociali in atto con azioni spesso viziate da pregiudizi e integralismi, lontane dall’analisi e dalla presa in carico dei bisogni delle persone; vi sono le Caramelle in piedi, che hanno deciso di contro proporre una presenza democratica, dolce, libera e sdrammatizzante.
Non possiamo sottovalutare l’azione dei movimenti conservatori che, anche a Brescia, puntano a fermare ogni possibilità di cambiamento, brandendo il vessillo della famiglia cosiddetta “tradizionale”, contrapponendo un tipo di famiglia ad un’altra, agitando fantasmi inesistenti, come la fantomatica teoria del gender.
Noi siamo e saremo sempre a favore dei diritti civili. Non di chi vuole toglierli o limitarli.
Noi siamo e saremo sempre al fianco di tutti coloro che si impegnano a far fare finalmente un passo avanti – politico, sociale, culturale – al nostro Paese. L’estensione di diritti non comporta alcun rischio per chi questi diritti già li detiene e li esercita.
Dobbiamo sottolineare come la rivendicazione di diritti da parte delle unioni di fatto riveli anche la loro consapevolezza in merito alla necessità di assumere doveri e responsabilità, verso il partner, i figli, la società. Ed è dunque l’intera società che può beneficiare di una legge che riconosca il valore dei vincoli affettivi stabili, indipendentemente dal fatto che una coppia sia eterosessuale o omosessuale.
In questo senso si è espressa ancora a febbraio la Direzione Provinciale del Partito Democratico di Brescia. Così intendo personalmente ribadire anche oggi, alla vigilia delle manifestazioni di sabato 10 ottobre, a Salò.
La famiglia è luogo privilegiato di amore, di affetti, di educazione, di crescita, di progetti di vita, e come tale è un bisogno naturale e primario di ogni essere umano, non è uno strumento da brandire per sostenere convinzioni ideologiche discriminatorie.
On. Luigi Lacquaniti
Partito Democratico