Restituita dignità e giustizia al Gruppo Zen di Gioia Tauro

La condanna dell’ex Presidente dell’Autorità Portuale, Ing. Giovanni Grimaldi, alla pena di mesi sei di reclusione, riporta giustizia al Gruppo Zen di Gioia Tauro. Dopo innumerevoli vessazioni subite da parte dello stesso e dell’Autorità Portuale, finalmente viene restituita dignità e giustizia ad un gruppo che aveva creato innovazione e posti di lavoro, e che è stato enormemente indebolito e leso nella propria attività imprenditoriale.
Questa sentenza dimostra chiaramente ciò che le Istituzioni non dovrebbero mai fare, ovvero ostruzionismo ingiustificabile ad un imprenditore che si presenta sul mercato con un progetto serio, onesto, innovativo e competitivo.

on. Luigi Lacquaniti