Lo Sportello unico per l’immigrazione di Brescia. Le mie richieste alla Prefetta.

In trent’anni Brescia è diventata la destinazione finale di tante persone che hanno lasciato il proprio Paese alla ricerca di un futuro migliore, per sé e per la propria famiglia. Brescia, col suo manifatturiero un tempo capace di assorbire infinita mano d’opera, di dare lavoro a tanti immigrati, e oggi colpita dalla crisi economica alla stregua di tante altre realtà produttive del Paese. Conosco i volti degli immigrati, li ho incontrati alcuni mesi fa quando ho visitato l’Ufficio migranti di Brescia, conosco le loro storie, le ho ascoltate spesso nella Comunità valdese di Brescia che con molti di loro condivido.
Oggi sono stato invitato in Prefettura. La Prefetta Narcisa Brassesco Pace ha illustrato a me e agli altri parlamentari bresciani presenti, alle Parti sociali, ai rappresentanti delle Comunità straniere, la situazione dello Sportello unico per l’immigrazione, lo stato delle pratiche di emersione del lavoro nero, le regolarizzazioni e le richieste d’asilo.
Ho ascoltato con interesse i dati che con grande precisione ci sono stati forniti, le repliche delle Parti sociali e dei rappresentanti dei migranti.
Per parte mia ho fatto presente alla Prefetta e ai rappresentanti delle Forze dell’Ordine che il superamento dei problemi connessi al fenomeno immigratorio si avrà solo col superamento definitivo della Legge Bossi-Fini e del suo impianto. E inoltre che, seppure il loro lavoro si svolga esclusivamente nei limiti della Legge in vigore, rimane fondamentale che la puntuale applicazione delle norme non prescinda mai da quei principi di umanità e dignità della persona, che seppure non sempre normati, sono comunque alla base del nostro Ordinamento e fra i principi fondamentali della Costituzione.
Accolgo oggi di buon grado le rassicurazioni che ci sono state fornite dalla Prefetta e l’impegno che entro la fine dell’anno la situazione delle pratiche giacenti presso l’Ufficio migranti di Brescia sarà normalizzata. Ci siamo dati appuntamento ad analoghe iniziative nei prossimi mesi. Sarà mia cura verificare lo stato delle pratiche e il funzionamento degli Uffici preposti.

On. Luigi Lacquaniti