Visita alla Centrale di Latina

Il referendum popolare del 2011 ha costituito per tutto il Centrosinistra un’importante vittoria, grazie alla quale abbiamo potuto far valere l’importanza dei Beni comuni. La denuclearizzazione fu, senza dubbio, la pietra miliare su cui il Popolo italiano si espresse per far valere la propria volontà di abolire definitivamente il nucleare come fattore energetico nel nostro Paese. Confermando il risultato cui già era pervenuto il referendum popolare del 1987, che aveva decretato la fine dell’esperienza nucleare in Italia. La tragedia di Fukushima fu un segnale che esortò la Comunità nel vincolare le Istituzioni a salvaguardare la salubrità e l’ambiente. Il referendum del 2011, una vittoria di civiltà, fu anche uno degli elementi su cui si costruì Italia Bene Comune.

Oggi insieme a una delegazione della Comissione Attività produttive e della Commissione ambiente della Camera, sarò in visita alla Centrale di Latina, dove la subentrata Azienda Sogin si è impegnata allo smantellamento dello stabilimento nei prossimi tre anni. Auguro buon lavoro al Professor Zollin e all’attività che sta promuovendo. Rivolgo alle Istituzioni l’auspicio a che il nostro Paese proceda ad una riconversione ecosostenibile dell’alimentazione energetica. M’impegnerò affinché lo smantellamento avvenga nei tempi prefissati, come sancito da 27milioni di italiani.

On. Luigi Lacquaniti