Intervista a Radio Onda d’Urto: privatizzazioni, Finmeccanica si prepara a dismettere il settore trasporti

Continuano le privatizzazioni annunciate in Italia. Ieri era toccato a Poste Italiane, che il ministero per l’economica vuole mettere sul mercato – e in borsa – entro sei mesi. Oggi è la volta di Finmeccanica, che punta a dismettere l’intero settore trasporti, tra cui Ansaldo Breda e Ansaldo Sts, seguendo la strada già aperta da Ansaldo Energia.
L’annuncio arriva da Alessandro Pansa, ad del gruppo, ascoltato ieri in commissione Attività produttive alla camera. L’idea è simile a quella, fallimentare, di Alitalia: creare una bad company per i debiti, vendendo poi le società a gruppi come la General Electric, che si è già detta interessata. Forte preoccupazione arriva da sindacati e lavoratori, che temono – e a ragione – pesanti ripercussioni occupazionali. Perplessità ieri alla Camera è stata espressa anche da Edorado Fanucci, del Pd, e Luigi Lacquaniti, di Sel, secondo cui “Finmeccanica si prepara a scaricare definitivamente Ansaldo Breda e i suoi quattro stabilimenti”.