I parlamentari di SEL in Calabria, rassegna stampa

Gazzetta del Sud, 9 novembre 2013
Polistena. L’intensa giornata della delegazione parlamentare
L’impegno di Sel per costruire una Calabria e un Paese migliori

Prima in via Pio La Torre al fianco di esperienze positive come “Libera” e come la cooperativa sociale “Valle del Marro-Libera Terra” che dà lavoro a 30 persone coltivando 140 ettari di terreni confiscati alle ‘ndine della Piana, subito dopo in corso Mazzini per ascoltare i bisogni della gente. Pomeriggio intenso quello vissuto ieri a Polistena dalla delegazione parlamentare di Sel guidata dall’on. Gennaro Migliore (capogruppo alla Camera) e composta dagli onorevoli Ferdinando Aiello, Celeste Costantino e Luigi Lacquaniti. La delegazione era accompagnata da Gianni Speranza (segretario regionale). Nella coop “Valle del Marro-Libera Terra” sono stati accolti da Giacomo Zappia, Domenico Fazzari ed Antonio Napoli. I rappresentanti della coop hanno raccontato i vari attentati subìti e la scelta di costituirsi parte civile nel processo contro gli ex proprietari di alcuni terreni che la coop gestisce. «Una scelta, la nostra – ha detto Domenico Fazzari – per tracciare una via». I parlamentari Migliore e Costantino hanno detto che la presenza della delegazione alla coop, è un modo per difenderla e valorizzarla, visto che “Libera” e la “Valle del Marro” contrastano in modo concreto la ‘ndrangheta.
Poi l’on. Ferdinando Aiello ha incontrato una delegazione di Lsu-Lpu del Comune in stato di agitazione. La delegazione parlamentare ha preso poi parte a un’iniziativa pubblica svoltasi nella sala convegni di palazzo Sigillò. Antonio Baglio, coordinatore del Circolo Sel di Polistena, con un accorato «dateci una mano», ha chiesto a Sel di sposare la causa del territorio, in quanto la gente, i precari, le famiglie, i giovani, hanno bisogno di risposte concrete. «La Calabria non è solo ‘ndrangheta – ha affermato Peppe Giancotta – questa nostra martoriata terra ha bisogno di lavoro e sanità». Dopo gli interventi dell’ex sindaco di Seminara Salvatore Costantino, del consigliere provinciale Giuseppe Longo, del consigliere comunale di Rosarno Peppe Papasidero, del capogruppo consiliare di “Polistena nel cuore” Giovanni Laruffa, è stato l’on. Gennaro Migliore a trarre le conclusioni, affermando che Sel ha deciso di partire dal territorio perché vuole costruire una nuova classe dirigente per la Calabria e per il Paese.
Attilio Sergio

ilLametino.it, 8 novembre 2013
Calabria: Delegazione Sel con Migliore e De Petris per campagna ascolto territorio

Catanzaro – E’ iniziato questa mattina il viaggio della delegazione nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà. Il capogruppo alla Camera Gennaro Migliore e la senatrice Loredana De Petris in queste ore stanno incontrando gli amministratori locali, i cittadini, i rappresentanti di associazioni e sindacati “per discutere con loro – dicono – delle questioni fondamentali della nostra regione: lavoro, lotta alla mafia, tutela della salute e ambiente”. Dopo Benestare e Cosenza il viaggio di oggi avrà come tappe Polistena, Crotone e Vibo Valentia e si concluderà alle 18:30, a Catanzaro, presso la sala giunta della Provincia in piazza Prefettura, dove la delegazione parlamentare insieme al coordinatore regionale Gianni Speranza, ai segretari di federazione, al coordinamento regionale di Sel Calabria, terrà una conferenza stampa aperta al pubblico, riassuntiva della visita e di annuncio delle iniziative che i gruppi parlamentari ed il partito intendono promuovere per dare seguito al lavoro della delegazione.
http://www.lametino.it/Calabria/calabria-delegazione-sel-con-migliore-e-de-petris-per-campagna-ascolto-territorio.html

il Quotidiano, 9 novembre 2013
Tour dei deputati
Calabria. Il progetto di Sel

Catanzaro – Full immersion dei parlamentari di “Sinistra ecologia e libertà” ieri in Calabria. Una nutrita delegazione si è recata in alcuni punti nevralgici della regione. Gli ospiti, accompagnati dai dirigenti locali, si sono divisi i compiti. Il capogruppo al Senato, Loredana de Petris, è stato prima a Cosenza e poi a Crotone. Il capogruppo alla Camera, Gennaro Migliore, affiancato dai deputati Celeste Costantino, Ferdinando Aiello e Luigi Lacquaniti, sono stati a Benestare, Polistena e Vibo Valentia. In serata si sono ritrovati tutti a Catanzaro per tirare le somme: cosa hanno fatto, cosa hanno visto e che cosa si propongono di fare, che idee vogliono mettere in campo per aggredire dal punto legislativo le varie emergenze che sono ricomprese in una più generale attenzione verso la Calabria che – hanno detto – è stata trascurata dai governi che si sono sino ad ora succeduti, compreso quello attuale. Il segretario regionale di Sel, Gianni Speranza, ha aperto la conferenza stampa raccontando la genesi di quest’iniziativa che è maturata a valle del seminario regionale che lo stesso partito ha tenuto nei giorni scorsi a Lamezia. Sel rilancerà un impegno legislativo per la Calabria, selezionando gli obiettivi attraverso una serie di proposte emendative per la legge di stabilità ed altrettanta attenzione su singoli problemi e vertenze. La De Petris è partita da Cosenza dove, nella sede della provincia è stata fatta una panoramica generale, soffermandosi poi sui temi della sanità (si organizzerà “una marcia della salute”) e dei trasporti. Poi un focus particolare sul recupero del Tribunale di Rossano e sulle risorse da destinare agli scavi archeologici di Sibari. A Crotone la senatrice ha parlato di risanamento ambientale del sito industriale dismesso. L’altro ramo della delegazione, dopo una visita al sindaco di Benestare, Rosario Rocca, che nelle settimane passate è stato minacciato dalla ‘ndrangheta, è stato a Polistena per esaminare i problemi della Piana e in particolare modo la vita sempre agra della cooperativa della Valle del Marro. Poi il passaggio finale su Vibo per la preoccupante questione della chiusura del cementificio.
br.gem.

l’ora della Calabria
9 novembre 2013
l’annuncio
Sel, entro dicembre il congresso regionale

Nel centrosinistra non si agita il solo Pd, alle prese con i suoi congressi animati da mille polemiche. Anche Sinistra e libertà dà avvio alle sue sfide interne sui territori. Sel si prepara infatti a celebrare la stagione congressuale in Calabria.
A parlarne ieri è stato il segretario regionale del partito Gianni Speranza incontrando i giornalisti a Catanzaro assieme ad una delegazione di parlamentari, guidata dai capigruppo alla Camera e al Senato, Gennaro Migliore e Loredana De Petris, reduci da una visita nella regione.
«Da metà novembre in poi – ha detto Speranza – terremo le assise provinciali per poi svolgere, entro fine dicembre, il congresso regionale. Si apre una fase di apertura e di discussione che si spera possa essere proficua e utile per tutta la sinistra».
«Il Congresso regionale del nostro partito – ha aggiunto Speranza – dedicherà un’intera giornata alla riflessione aperta ad esponenti del mondo intellettuale e dell’informazione sulla Calabria e sul suo futuro».

Corriere della Calabria, 9 novembre 2013
E Sel pensa a una modifica alla legge di stabilità
Il partito di Vendola vuole presentare un emendamento per i lavoratori lsu-lpu calabresi

CATANZARO «Abbiamo assunto l’impegno per la presentazione di un emendamento alla Legge di stabilità a favore del futuro dei lavoratori lsu-lpu della Calabria per la drammaticità assoluta che il problema assume in questa regione». Lo ha detto Loredana De Petris, capogruppo al Senato di Sel, incontrando i giornalisti a Catanzaro al termine di una visita che una delegazione di parlamentari del partito ha svolto in Calabria. La parlamentare, assieme al capogruppo alla Camera Gennaro Migliore e ai deputati Celeste Costantino, Ferdinando Aiello e Luigi Laquaniti, ha attraversato oggi la regione in un tour che ha toccato Cosenza, Crotone, Polistena e Benestare che si è concluso nel capoluogo.
Assieme ai parlamentari il segretario regionale dei Sel, Gianni Speranza, sindaco di Lamezia Terme, i vertici provinciali del partito e, tra gli altri, anche Rosario Rocca, il sindaco di Benestare che recentemente si era dimesso dopo una serie di intimidazioni della criminalità organizzata e che poi è tornato sui suoi passi. «Dalla legge di stabilità – ha aggiunto De Petris – avremmo auspicato scelte capaci di dare una spinta al Paese, cosa che però non è avvenuta. Abbiamo chiesto, comunque, a tutti i colleghi di maggioranza e di opposizione di firmare questo emendamento affinché si possano dare certezze alle migliaia di lavoratori precari della regione in una prospettiva che porti alla stabilizzazione. In questa nostra visita in Calabria in tanti incontri abbiamo recepito le richieste che sono giunte dalle popolazioni su temi come ambiente, salute, trasporti, giustizia, contrasto del dissesto idrogeologico. Torniamo a Roma con una mole di indicazioni che ci impegniamo a tradurre in azioni concrete».
Il capogruppo alla Camera Migliore ha incontrato a Vibo Valentia, in serata, i lavoratori dell’Italcementi, in cassa integrazione dopo la chiusura dello stabilimento.
http://www.corrieredellacalabria.it/stories/Politica/18890_e_sel_pensa_a_una_modifica_alla_legge_di_stabilit/

mnews.it, 9 novembre 2013
I big calabresi di Sel in “missione” a Polistena

Polistena (Reggio Calabria) – Una visita in due tempi quella della delegazione del partito Sinistra Ecologia Libertà composta dai parlamentari calabresi Ferdinando Aiello, Celeste Costantino, Luigi Lacquaniti, dal capogruppo alla Camera Gennaro Migliore e dal segretario regionale Gianni Speranza. L’incontro è stato fortemente sollecitato dal locale circolo Sel di Polistena, con in testa il segretario cittadino Antonio Baglìo. Alla presenza anche del sindaco di Benestare, Rosario Rocca – città peraltro visitata poco prima dalla stessa formazione – e allargato agli esponenti del Prc, Michele Conia e Giuseppe Longo, si è tenuto dapprima un briefing presso i locali della cooperativa sociale di Libera “Valle del Marro” dove si sono trattate le criticità concernenti l’operare secondo schemi di legalità nell’ambito del settore produttivo pianigiano.
Il presidente Giacomo Zappia ed uno dei soci, Domenico Fazzari, hanno raccontato infatti le difficoltà legate alla gestione di una cooperativa – ora giunta all’ottavo anno dalla sua istituzione – la cui nascita e crescita è avvenuta senza non poche complicazioni. Zappia ha rimarcato ai parlamentari la solitudine subordinata alla scomoda scelta di costituirsi – loro soltanto – parte civile nel recente processo iniziato ad ottobre scorso contro le cosche Mammoliti, già proprietarie dei terreni su cui operano e svolgono le loro produzioni, benché numerosi altri soggetti abbiano subìto danni e sabotaggi anche più gravi rispetto a quelli della “Valle del Marro”, ma ha anticipato anche del nuovo progetto pilota, denominato “clementine della legalità” che si realizzerà l’anno venturo grazie alla partnership del gruppo distributivo Coop. Fazzari ha voluto altresì lanciare una provocazione affermando che in una condizione di normalità «le cooperative sociali sorte con beni confiscati alla mafia non dovrebbero neanche esistere perché la mafia stessa non dovrebbe esistere. Noi abbiamo voluto creare una speranza, tracciare una via ma il nostro progetto in realtà – ha continuato – è quello di fare in modo, attraverso un’opera di sensibilizzazione sociale e culturale, che queste realtà possano scomparire, perché spesso la rincorsa ad un bene confiscato per fare impresa è stato, per alcuni, una sorta di corsa speculativa».
I parlamentari, da Migliore alla Costantino hanno tutti assicurato supporto «poiché – è stato detto – realtà esemplari come questa sono assolutamente da sostenere e preservare per educare alla legalità, creare occasioni reali di lavoro, colpire gli interessi mafiosi attraverso i loro stessi beni in una logica di conflitto di interessi positivo».
La seconda parte della visita – quella più istituzionale – s’è svolta presso la sala convegni comunale di palazzo Sigillò, dove la rappresentanza ha incontrato simpatizzanti e cittadini. Qui, alla presenza tra gli altri di Anna Giancotta e Giuseppe Politanò, dirigenti del circolo vendoliano e Giovanni Laruffa, dirigente del circolo Pd, il segretario Baglìo oltre a fare gli onori di casa ha evidenziato tutto il disagio di vivere in una realtà difficile come quella calabrese e pianigiana peculiarmente, chiedendo ai parlamentari di Sel di farsi carico di queste sofferenze per troppo tempo ignorate da larga parte della classe politica per consentire ai cittadini di quest’area «di condurre una vita dignitosa, alla pari di altre realtà italiane».
Nel corso del dibattito si sono registrati gli interventi di Peppe Giancotta, consigliere comunale di minoranza del gruppo “PnC” e dell’avvocato Salvatore Costantino, già candidato a sindaco del comune di Seminara. Tutto ciò mentre all’esterno, un folto gruppo di lavoratori LSU/LPU si è intrattenuto con l’on. Aiello – componente la commissione Affari Sociali di Montecitorio – per rivendicare le recriminazioni che hanno portato i lavoratori precari in stato d’agitazione per via della mancata stabilizzazione, rappresentando le loro richieste. L’on. Aiello, per parte sua, ha rassicurato gli stessi lavoratori circa l’impegno a proporre un emendamento che possa, nella legge di stabilità di prossima discussione in aula, consentire il consolidamento definitivo di chiunque si trovi in queste condizioni di incertezza lavorativa. Quindi la delegazione ha proseguito il suo viaggio alla volta di Vibo per poi giungere in serata a Catanzaro.
Giuseppe Campisi
http://www.mnews.it/2013/11/polistena-i-big-calabresi-di-sel-in.html