Sdegno per il blocco del Parlamento

Il Parlamento in ferie forzate.
Sembra una barzelletta, ma è la triste realtà.
Abbiamo fermato i lavori, malgrado le urgenze, malgrado le interrogazioni parlamentari non abbiano ancora avuto risposte, malgrado le votazioni serali per recuperare tempo, malgrado le corse!
Siamo fermi. Un giorno a casa perché il PDL ha deciso di ritirarsi in assemblea permanente per discutere dei gravi problemi giudiziari che affliggono il Presidente Berlusconi.
Ritengo inaccettabile una paralisi di questo tipo, perché la considero una gravissima mancanza di rispetto nei confronti di tutti i cittadini e le cittadine, che da questo Parlamento attendono risposte ai problemi che ogni giorno ci rendono più poveri, più spaventati, più preoccupati, più incerti.
Io e tutto il gruppo di Sinistra Ecologia Libertà abbiamo espresso il nostro dissenso votando contro questo scempio.
Noi vogliamo lavorare, noi vogliamo ridare dignità a questo Paese mortificato ed alle persone che vi abitano.
Luigi Lacquaniti